venerdì 1 maggio 2020

Come acquistare un disco in vinile? La mia guida.


Spesso, mi viene rivolta questa domanda, sopratutto dalle ultime generazioni di ragazzi, che si avvicinano ai dischi in vinile per l'ascolto, e non avendo nessuno in casa o tra gli amici da  cui possono avere dei chiarimenti, mi rivolgono la domanda; "Come e cosa devo vedere per acquistare un disco?".
Al momento, le prime volte, restavo per qualche attimo interdetto, ma mettendomi poi dal loro punto di vista, capisco che non è semplice per chi  si avvicina al mondo "vinilico" per la prima volta.
E allora...
La domanda che devo porre per iniziare è : Su cosa farò girare il mio disco?
Se la risposta è, che ho acquistato o mi è stato regalato un giradischi da poco tempo, di quelli  a "valigetta", tanto per intenderci, di ultima generazione per l'ascolto a casa, che alcuni chiamano anche "lettore", che sia un buon usato o che sia un disco nuovo sigillato, non farà grande differenza.
La differenza, inizia dove hai un piccolo impianto hi-fi, con una puntina di qualità, un giradischi, un amplificatore e casse acustiche o diffusori.
Se l'impianto di riproduzione è di un buon livello, le tue orecchie inizieranno ad avvertire la differenza tra il suono analogico di un vecchio disco e quelli di nuova produzione, ristampati e non, su 180gr. o addirittura 200gr.
La differenza delle riproduzione è da cercare nella grammatura del vinile, fino agli anni '80 circa su 120/140 grammi, sulla pressatura, e sul fatto che quasi nessuna fabbrica oggi ricava le matrici dai vecchi nastri originali, molti dei quali consumati o mal gestiti, tanti introvabili, e quindi, quasi tutti da una fonte digitale se non addirittura da mp3.
Avvertirai come il vecchio vinile ha un suono morbido e caldo, i nuovi pulito e freddo, quasi come i cd, questo perché il materiale ( il vinile ) e tutti gli altri fattori elencati, modificano le frequenze che arrivano al nostro apparato acustico.
Ad oggi sono poche le etichette discografiche che cercano di raggiungere il suono più vicino al vecchio vinile, malgrado provengano da fonti digitali ( ed il prezzo è molto alto e indicato in copertina che è un disco per audiofili ), ed ancora di meno le ristampe da nastri originali
In questi ultimi anni c'è stato un proliferare, in questa tempo in cui il vinile è tornato di moda, di dischi "non ufficiali",riprodotti simili agli originali, li puoi riconoscere perchè non hanno bollino siae anche se sono nuovi, non sono sigillati, spesso sono vinili colorati, le inner sleeve interne sono bianche senza testi o foto o credits e costano mediamente 15 euro! Un prezzo molto seducente. E' vero alcuni suonano bene, ma tanti
hanno davvero un suono scadente, quindi è un tuo rischio, perchè non sai cosa stai acquistando e sono illegali!  
Un altra domanda da porsi è : Perché comprare un vinile nuovo se poi puoi trovare quello usato, migliore ed ad un prezzo più basso?
Lo so non è sempre così, però ti assicuro, che ci sono tante ristampe fatte negli anni '70 e '80 di classici del rock e non solo, che si trovano ancora a cheap price, a prezzo ribassato.
Ecco cercare il vinile usato è sempre stato uno dei  motivi, per cui mi sono appassionato, a questo mondo, in qualche modo avere tra le mani una stampa originale mi dava molta più soddisfazione, che averne una nuova e sigillata.
Cercare nei vecchi negozi di dischi,  mercatini, nelle fiere tra la polvere ed oggetti di ogni tipo è stata sempre per me, come una caccia al tesoro che oggi si è un po persa, con i media e l'e-commerce a largo consumo.
Per concludere, hai adesso alcune indicazioni per muoverti alla ricerca della tua musica preferita.
A me la polvere o qualche rumore di sottofondo, comunque non ha mai dato fastidio su un bel disco dei Led Zeppelin.

Cerca nel nostro negozio.  
  

Nessun commento:

Posta un commento