domenica 10 maggio 2020

i 38 anni dello stile anni '80 - Duran Duran con Rio


Il 10 maggio 1982, cinque ragazzi britannici, che erano cresciuti a pane e Roxy Music, Chic, David Bowie, pubblicarono l'album che avrebbe cambiato per sempre le loro vite e quelle di tanti loro appassionati e fans. Precursori al tempo del video musicale, I Duran Duran, avevano avuto un assaggio di quello che sarebbero state le loro vite da popstar, già dopo il primo album, che però non aveva avuto un grosso seguito negli Stati Uniti.
Dopo l'incontro con Nile Rodgers e Bernard Edwards, unitamente alla messa in circolazione dei loro video negli USA, che diede loro la possibilità di una scalata ad un successo mondiale, la loro popolarità si diffuse come un incendio "dalle montagne del nord fino al Rio grande.." Proprio come i brani tipo "Hungry like the wolf" e "Rio" di cui molti ricorderanno i video che li accompagnavano, o nascosta tra luci ed ombre l'avvolgente ,"Save the prayer".










Un disco che ha definito una generazione, quella degli anni '80, brani che hanno fatto capire che la musica poteva essere divertente, ballabile, ma anche riflessiva, intropettiva, leggera. 
Un lavoro che fonde elementi funky, disco, new wave, glam, rock'n'roll, che crea uno stile, come perfettamente definito dalla bellissima grafica di copertina di Patrik Nagel e che diventerà il marchio di una generazione, di quei ragazzi ed adolescenti che rifiutavano la sottocultura del club disco come loro riferimento, ma che faceva della musica un elemento importante di vita. 
Da quel momento in poi per Simon Le Bon e soci il cambiamento sarà radicale, la strada è spianata ed è un deliro di teenager, in visibilio per i loro idoli, che appaiono costantemente su riviste, giornali, tv. 
A risentire dopo 35 anni questo album , vengono sempre in mente tanti ricordi e sopratutto ti rendi conto, che all'epoca avevano fatto proprio centro se dopo tutto questo tempo il loro sound è ancora vivo e vegeto.
E ancora Duran..

Cerca nel nostro negozio

Ascolta "Rio"

Nessun commento:

Posta un commento